Caratteristiche del territorio

Deanor è un vasto continente posto all'estremità nord del pianeta Deanor. Non a caso continente e pianeta portano lo stesso nome, infatti anticamente questo continente era l'unico del pianeta.

 

L'enorme porzione di terraferma è attraversata da diversi fiumi, di lunghezza notevole e ampie portate, che hanno origine in vaste zone montuose. Sebbene il pianeta sia relativamente antico, gli sconvolgimenti tellurici che vi sono stati hanno inciso notevolmente alla sua conformazione geologica e sullo stato della flora e della fauna presente. Gli Dei e le altre creature presenti, presero parte a numerosi scontri e conflitti che lacerarono in maniera energica e profonda la conformazione di queste terre. Il processo di cicatrizzazione che avvenne lasciò segni sparsi in tutto il mondo, alcuni più evidenti altri meno, ma ciascuno a suo modo fondamentale per riuscire a ricostruire la storia degli eventi accaduti.
Alternate alle montagne spiccano estensioni di grandi pianure, sia erbose che boscose, le quali in alcuni casi confinano col mare e con vaste paludi. La foresta più fiorente si trova nell'area occidentale del continente e viene conosciuta come la
Foresta Dell’Alba. Un mare interno si estende e divide il continente in alcune che possono essere considerate regioni, creando un ostacolo per alcune creature e una via di comunicazione per tutte quelle che hanno addomesticato il mare. Questo mare è il Mare Stretto, che nella sua parte orientale viene chiamato Mar dei Cristalli.
Il clima è molto rigido a settentrione, mentre diventa sempre più temperato procedendo verso meridione, quindi desertico e infine tropicale. I deserti sono sia sabbiosi che rocciosi. In particolare il Grande Deserto Sabbioso si estende in latitudine per gran parte della costa meridionale del Mare Stretto.     
Nei mari che bagnano il continente sono presenti alcune isole di piccola o media dimensione, ma nessuna è paragonabile al continente per estensione.
Le due isole che degne di particolare nota sono:
Nido dei Grifi, presso il Mar dei Cristalli, e l'Isola degli Orsi, che si estende a largo dell'Oceano Perduto ai limiti estremi dell'area artica.
Questi frammenti di crosta terrestre probabilmente si separarono dal resto della zolla continentale in seguito a violenti terremoti e inondazioni delle ere antiche. Alcuni manoscritti, custoditi gelosamente in diversi luoghi, tramandano i segreti e le vicende di chi probabilmente riuscì a popolarli, lasciando tracce del loro passaggio e della loro presenza.

Print Friendly