Orchi

 

Informazioni di base e caratteristiche fisiche
Gli orchi sono esseri enormi, grotteschi e deformi. Sono molto alti, la maggior parte supera i 2 metri di altezza. La loro pelle è di tonalità verde, anche se ne esistono altre di varie sfumature. Hanno delle zanne che spuntano ai lati della bocca. Preferiscono stare lontani dal sole, perché la loro vista è debole. Sembra una popolazione nata per la guerra e lo scontro fisico, tanto che non si sono specializzati a produrre le loro cose, ma a conquistarle con la forza. Sono macchine da morte, uccidono tutto e si nutrono di quel che uccidono, a volte anche dei loro stessi simili.
Il popolo orchesco è organizzato in clan, che vivono soprattutto di caccia e razzia; i clan più forti richiamano intorno a sé altri clan minori andando a formare vere e proprie orde, che possono saccheggiare e mettere a ferro e fuoco interi continenti. Si trovano a loro agio in montagna e in collina, in pianura sono svantaggiati per il fatto che si rendono visibili da grandi distanze. L'ambiente in cui mostrano al meglio la loro forza e in cui preferiscono costruire le loro città sono le paludi, facilmente nascoste e difficili da individuare da occhi estranei. Nelle foreste sono più vulnerabili, i movimenti sono ostacolati dai grossi rami, e ci sono pochi spazi che li lasciano muovere come vorrebbero.

Gli orchi si spostano prevalentemente a piedi, se occorre trasportare materiale vario utilizzano un piccolo traino di legno e foglie o ricorrono a due animali simili a degli elefanti, Il Madurn e il Licantys. Il primo è di stazza enorme, in grado di sopportare enormi pesi.  Il secondo è più una cavalcatura da guerra, e molto più piccolo del primo, ma è più veloce e letale, infligge sono molto più pericolosi di molte bestie feroci. I loro unici alleati sono i Goblin, usati soprattutto per gli scambi commerciali di materiali utili, come pellicce, carne, legno, armi e corazze.

l loro cibo preferito è la carne, mangiata molto spesso cruda. Mangiano altresì frutti semplici, reperibili nelle paludi o negli acquitrini. Non coltivano nulla, saccheggiano piccoli villaggi limitrofi per approviggionarsi del necessario. Cucinano solo pochi piatti, i tipici sono: il Behr (piatto cotto, con carne, misto con un cuore di un animale, con qualche foglia di contorno), il Tigh (zuppa condita di foglie e di varie erbe, cotte lentamente sul fuoco), e il Borr (un tritato di erbe varie – almeno tre – con delle zampe di animali). Si dissetano soprattutto con dell’acqua o occasionalmente con il Rogh, un distillato ricavato da un frutto di una speciale pianta della palude.

Le armi utilizzate sono solitamente grosse clave, dotate di spuntoni incastrati nell'estremità dell'arma, e un lungo bastone, con una catena agganciata e una palla chiodata attaccata in cima. Usano anche rozzi coltelli ma preferiscono di gran lunga qualcosa di più appariscente. Bastoni, fatti di ossa, con alcune piccole foglie legate alla cima, sono usati soprattutto nei rituali.

Gli alloggi degli orchi sono semplici, una piccola branda fatta di legno e melma e una cassa enorme per tenere le proprie cianfrusaglie e gli oggetti rubati. Le pareti sono decorate con le ossa dei loro migliori avversari o con le teste di alcuni feroci animali. Nell'accampamento non sono presenti locande, ma molti alloggi contengono solo una branda e una cassa, e si conquistano combattendo. Non ci sono stanze di tesori o altro, i bottini di guerra vengono custoditi nella stanza del capo e poi spartiti a sua discrezione tra i guerrieri.

Gerarchia
Il capo clan è quello più forte, non importa ne l'anzianità ne la furbizia, solo la forza bruta.
Lo stregone non è dotato di poteri magici, ma è il tramite con la loro divinità, ed è colui che inizia i giovani guerrieri con un rituale di caccia e di sangue.
Il Morghu è il secondo guerriero, il secondo più forte del clan
Il guerriero: soldato semplice che viene addestrato dal Morghu, e esegue gli ordini dei capi.
Il cacciatore: un soldato che non si occupa solo di saccheggiare, ma di andare a caccia per ottenere cibo e pelli per il proprio clan.
Il Serthe: il mercante, colui che viaggia nelle altre citta, che organizza gli scambi con gli alleati. Mentre le orchesse sono guerriere anche loro, la più forte diventa la moglie del capo clan.
Il minatore paga i debiti del clan, scavando per i Goblin, quando non hanno monete per pagare o merci di scambio.
Il Vughur, una specie di locandiere, colui che si occupa di cucinare, ma soprattutto di creare la bevanda con cui festeggiano il Rogh.
L'Ehrr; colui che costruisce i pochi oggetti che usano.

 

Rapporto con la religione

Aruuka è la loro divinità. Venerano solo quella, e la invocano raramente, tranne nei riti e poco prima dell’inizio di una grande battaglia o per l'iniziazione dei giovani. Offrono sacrifici di ogni genere, animali o anche personaggi della stessa razza. I sacrifici consistono in enormi pire di fuoco, posizionate sparse per la palude, con sopra i vari pezzi della preda sacrificata. Nella pira centrale, quella più grossa, viene posizionato il cuore, andando in lontananza gli altri organi. Le uniche cose che non vengono bruciate sono le ossa e gli oggetti appartenuti alla preda, che vengono o usati come ornamento o come merce di scambio.

Abilità

La mole e il peso di questi esseri, il loro odore, e l’atteggiamento particolarmente irascibile, raramente permette loro di essere molto abili nel sotterfugio. Sono molto forti, percorrono grandi distanze senza stancarsi molto, e riescono a portare grossi pesi senza difficoltà. Si nascondono bene, in zone paludose e nelle colline, i loro terreni più congeniali. Sono lenti, la loro stazza l'impedisce di avere abbastanza velocità di movimento. Di giorno la loro vista è molto penalizzata mentre durante la notte hanno notevole visibilità, anche in confronto ad altre razze.
Gli unici che posseggono un poco di magia sono gli sciamani, i quali non ne possiedono molta, ma la usano per rituali di iniziazione o qualche piccolo incantesimo durante le battaglie. Gli orchi temono la magia che non proviene da loro.

 

Prova a generare casualmente alcuni nomi da Orchi e prendi spunto per il nome da dare al tuo personaggio, tenendo conto che questa razza ha le sue peculiarità linguistiche:

Print Friendly